Dettagli dell’evento

Data evento: 4 Dicembre 2019
Indirizzo: Hotel Habitat - Giussano (MB)
Project leader:
Crediti ECM: 5.2
ECM ID: 181-276800
Professione: Medico chirurgo
Discipline: Cardiologia, Medicina interna, Cardiochirurgia, Chirurgia vascolare
Ob. Formativo: 2 - Linee guida protocolli-procedure

PAD: Dal Percorso Diagnostico Alla Gestione Ottimale Del Paziente

L’arteriopatia periferica (PAD) rappresenta una delle più frequenti manifestazioni della malattia aterosclerotica. La PAD è presente nel 4-12% dei soggetti nella fascia di età 55-70 anni, e la sua prevalenza aumenta con l’età. Alla base delle PAD si trova sempre un processo aterosclerotico che può colpire più sedi anatomiche alle quali corrispondono specifiche presentazioni cliniche. Le PAD includono la malattia aterosclerotica delle arterie carotidi e vertebrali extracraniche, mesenteriche, renali e delle estremità superiori e inferiori, ovvero tutte le malattie arteriose tranne quelle a carico delle coronarie e dell’aorta.

La PAD è una condizione relativamente benigna per quanto riguarda l’interessamento degli arti inferiori, dato che solo 2 pazienti su 100 con CI vanno incontro ad amputazione nei 5 anni successivi. La PAD rappresenta invece il più potente marker di rischio cardiovascolare sia per morbilità che mortalità (infarto miocardico ed ictus cerebrale). La mortalità cardiovascolare, soprattutto per infarto miocardico e ictus, è 3-4 volte maggiore rispetto a soggetti di pari età e sesso senza CI. I pazienti con PAD sono portatori di malattia vascolare polidistrettuale (cardiopatia ischemica – CHD -, e vasculopatia cerebrale – CVD), ciò che giustifica un ancor più attento e intenso controllo dei fattori di rischio cardiovascolari.

Una nuova analisi ricavata dallo studio COMPASS ha riguardato l’uso della combinazione di acido acetilsalicilico (ASA) e rivaroxaban nei pazienti con coronaropatia cronica e/o arteriopatia periferica. Questa nuova analisi dei dati dello studio COMPASS ha identificato i pazienti con CAD e/o PAD che presentavano il rischio più elevato di sviluppare eventi ischemici, nonostante l’assunzione della terapia standard di prevenzione secondaria: i pazienti con CAD e/o PAD che presentavano il coinvolgimento di due o più letti vascolari, o una storia di insufficienza cardiaca, o insufficienza renale o diabete, mostravano un rischio due volte maggiore di sviluppare eventi ischemici, nonostante l’assunzione della terapia standard di prevenzione secondaria. Inoltre, queste popolazioni di pazienti hanno visto aumentare di 2 volte gli eventi vascolari durante il trattamento con gli attuali standard di cura. L’analisi ha evidenziato che questi pazienti, definiti “a rischio”, beneficiavano in maggior misura della terapia che si basa sull’approccio sinergico di rivaroxaban in associazione ad ASA.

La migliore qualità dei risultati clinici sembra legata al tipo di management del paziente, oltreché al farmaco in sé. Si tratta di pazienti molto fragili che richiedono un’assistenza molto articolata (ambulatoriale, ricovero diurno, ricovero ordinario) con passaggio dall’una all’altra tipologia anche in tempi molto brevi. Per questi pazienti è necessaria la cosiddetta “presa in carico” da parte di una struttura dedicata, in grado di fornire tutte le procedure diagnostiche e terapeutiche di volta in volta necessarie, e soprattutto di assicurare un adeguato e attento follow-up.


Top

Compliance e Decreto legislativo 231 del 2001

X

Questa sezione del sito internet presenta i documenti di riferimento in materia di compliance aziendale. In particolare la società si è dotata di un Codice Etico, di un Modello 231 per la prevenzione dei reati inclusi quelli relativi alla pubblica amministrazione e di un sistema di gestione in conformità allo standard internazionale ISO 9001:2015, certificato da organismo accreditato, che includono i criteri e le regole di condotta in ottica di eticità, legalità e responsabilità sociale.

Il controllo della corretta applicazione delle suddette procedure è svolta da uno specifico Organismo di vigilanza, che può essere contattato tramite e-mail (odv@dynamicom-education.it) per ogni segnalazione; al fine di garantire la massima riservatezza il sistema di posta elettronica sopra riportato è gestito da soggetto indipendente e certificato.

 

 

Dynamicom Education srl
Via S. Gregorio 12 – 20124 Milano
Tel. (+39) 02 89693750
Fax (+39) 02 201176
e-mail: info@dynamicom-education.it
Capitale sociale: 10.000 i.v.
P.I. e C.F.: 03338800968